Moët & Chandon

La storia dell'azienda risale al 1742, quando Claude Moët (1683–1760) iniziò ad esportare vino dalla Champagne a Parigi. Nel 1794 Jean-Remy Moët (1758-1841) acquistò l'ex monastero di Hautvillers, dove il monaco Dom Pérignon aveva affinato le tecniche di produzione dello champagne, e Moët iniziò presto ad esportarlo in altri paesi europei e negli Stati Uniti. Jean-Remy Moët conobbe Napoleone Bonaparte già nel 1781 e fece amicizia con l'allora sconosciuto allievo del collegio corso, anch'egli discendente di una famiglia di viticoltori. Durante le sue ultime campagne, Napoleone portava sempre con sé una scorta di champagne di Moët e pianificava i suoi viaggi in modo da poter passare regolarmente da Epernay e visitare il suo amico Moët. L'era delle guerre napoleoniche fece conoscere lo champagne, in particolare il marchio preferito di Napoleone, Moët, in tutta Europa.

Nel 1833 Moët cambiò il nome dell'azienda per includere "Chandon", in quanto aveva ceduto metà dell'azienda a suo figlio Victor Moët e metà a suo genero Pierre-Gabriel Chandon de Briailles.

Moët & Chandon è da molti anni leader di mercato nello champagne. L'azienda dispone di circa 1150 ettari di vigneti in Champagne, distribuiti su circa 200 comunità vitivinicole. Il 50% della superficie coltivata è etichettato come Grand Cru, il 25% come Premier Cru. Moët & Chandon possiede anche le più grandi cantine di gesso di Épernay. Le sue gallerie si estendono per circa 28 km, il che ne fa le più grandi di tutta la Champagne. Ogni galleria ha persino un none, proprio come una strada! I magazzini più antichi di questa cantina risalgono all'anno della sua fondazione, il 1743.

Moët & Chandon: 4 prodotti

Filtri

Tutti i prezzi IVA inclusa