Montirius Vignoble Bio-Dynamique

Francia / Cotês du Rhone / Gigondas

Senza dubbio, la cantina Montirius a Vacqueyras è uno dei pionieri in materia di biodinamica ed è ancora considerato una delle migliori della regione. Eric e Christine Saurel sono passati alla viticoltura biodinamica nel 1996 e hanno prodotto la prima annata certificata nel 1999. Con quasi 60 ettari di vigneto, è sicuramente una delle aziende agricole più grandi, ma le rese sono così minime che non producono grandi quantità di vino. Un'altra particolarità è il fatto che non viene utilizzato legno nella vinificazione e nell'invecchiamento dei vini, il che è infatti evidenziato in etichetta con "100% non boisé", cioè "senza legno".

Perché questo? Oltre 20 anni fa, molti vini venivano realizzati con molto legno nuovo per adattarsi al "gusto Parker", ma questo apportava anche molti tannini di legno al vino. Eric non è un grande fan di questi tannini, ma preferisce che siano i tannini delle bucce a portare il sapore degli acini nella bottiglia, cioè il terroir. Così ha pensato di utilizzare le vasche di cemento e le ha sperimentate. Quando, dopo alcuni anni, ha ripreso a utilizzare il legno, i clienti hanno fatto capire chiaramente di preferire i vini maturati nelle vasche di cemento. Così la cantina ha preferito continuare con questo metodo di maturazione, preferendo quindi il cemento. Una particolarità che ci affascina tantissimo di questa cantina e che, a quanto pare, esercita lo stesso fascino su chi ha gustato i loro vini.

Montirius: 4 prodotti

Filtri

Tutti i prezzi IVA inclusa